Qualità

Bamu ha scelto di certificare il proprio lavoro a garanzia della sua qualità produttiva e dell’innovazione tecnologica.

Chi fosse interessato a scaricare le certificazioni BAMU, può contattarci cliccando qui.

LE CERTIFICAZIONI DI BAMU

CERTIFICAZIONE UNI EN ISO 9001

BAMU ha scelto dal 2011 la certificazione UNI EN ISO 9001, a garanzia della sua qualità produttiva e dell’innovazione tecnologica.

CERTIFICAZIONE EN 1090-1:2009 + A1:2011

Da Gennaio 2014 BAMU aggiunge questa importante certificazione, che valuta la conformità dei componenti strutturali per l’esecuzione di strutture di acciaio e di alluminio – Marcatura CE.

CERTIFICAZIONE UNI EN ISO 3834-2:2006

Dal 2013 BAMU ha ottenuto la Certificazione ISO 3834-2, che garantisce la qualità della saldatura per fusione dei materiali metallici, il riferimento normativo per la progettazione e la fabbricazione di veicoli ferroviari relativamente alla saldatura dei componenti metallici.

CERTIFICAZIONE ISO 15085-2:2008

Da giugno 2014 BAMU ha ottenuto la Certificazione ISO 15085-2, il riferimento normativo per la progettazione e la fabbricazione di veicoli ferroviari relativamente alla saldatura dei componenti metallici.

LE CERTIFICAZIONI DI BAMU

La politica di qualità di BAMU

Scopo dell’azienda è di assicurarsi prosperità e benessere nel breve, medio e lungo termine.
L’azienda ritiene che condizione essenziale, per l’ottenimento di tale scopo, sia il conseguimento di una posizione significativa nel mercato in cui essa opera, perseguito essenzialmente attraverso il soddisfacimento delle richieste contrattuali.

Il raggiungimento degli obiettivi

Il raggiungimento di tale posizione è subordinato ai seguenti fattori:

  • ottenere risultati economici che, oltre a fornire un adeguato compenso relativamente a quanto investito, consentano di pianificare gli investimenti necessari allo sviluppo dei processi e dei prodotti;
  • interpretare le esigenze e gli sviluppi del mercato e definire conseguenti strategie di prodotto e di servizio;
  • mantenere un costante aggiornamento relativamente alle tecnologie di processo utilizzate;
  • valutare in modo continuo ed avvalersi della disponibilità di risorse esterne che possano contribuire al miglioramento dei processi produttivi;
  • formare e coinvolgere il personale in modo tale che la professionalità sia adeguata al livello delle attività svolte e ad essa si aggiunga un fattivo impegno da parte degli operatori.

La gestione di ognuno dei singoli fattori sopraindicati e della loro reciproca integrazione deve essere condotta attraverso la minuziosa pianificazione e l’attento controllo dei processi aziendali.

Gli obblighi dell’Azienda

In base a quanto esposto è mandatorio, per l’azienda:

  • definire, tramite un sistema di gestione della qualità, quel complesso di attività pianificate e sistematiche necessarie a garantire il controllo ed il miglioramento dei parametri della propria attività che hanno influenza sul prodotto e sul processo;
  • impegnarsi perché i requisiti di tale sistema siano costantemente ottemperati e siano pianificati e mantenuti attivi processi di miglioramento.

I processi di miglioramento devono scaturire dall’impegno, assunto dall’azienda, nel pianificare, con periodicità stabilita, programmi che definiscano:

  • specifici obiettivi;
  • tempi e responsabilità per il raggiungimento degli stessi;
  • criteri oggettivi in base ai quali valutare i risultati ottenuti.

La Direzione si impegna

  • a stabilire con il Cliente linee di comunicazione che consentano la definizione delle Sue esigenze e di ciò che possa soddisfarle;
  • a documentare l’organizzazione aziendale, in modo tale che siano esplicitate le responsabilità, l’autorità ed i rapporti reciproci fra i settori aziendali;
  • a dare mandato a tutti i responsabili aziendali perché siano individuate e soddisfatte in modo adeguato le esigenze di risorse sia strumentali che professionali;
  • a dotare l’azienda di un sistema di gestione per la Qualità in linea con la norma UNI EN ISO 9001:2008 assegnando, a tal fine, ad un membro della struttura direttiva aziendale, la responsabilità di istituire, applicare e mantenere attivo tale sistema e riferire alla Direzione in merito all’andamento del sistema stesso;
  • a riesaminare il Sistema di gestione per la Qualità ad intervalli prestabiliti al fine di verificarne l’adeguatezza nel soddisfare i requisiti della norma a riferimento, nel perseguire la presente politica e nel raggiungere gli obiettivi stabiliti;
  • a comunicare la presente politica all’interno della organizzazione ed a far sì che essa, in tale ambito, sia pienamente compresa;
  • a riesaminare la presente politica, ad intervalli prestabiliti al fine di valutare l’efficacia, che da essa deriva, nella conduzione della realtà aziendale.